Allergeni alimentari: guida completa alla sicurezza e all’etichettatura

Nel mondo del retail alimentare, la sicurezza dei consumatori è una priorità assoluta, e la corretta gestione degli allergeni alimentari gioca un ruolo cruciale in questo ambito. Scopri il metodo SuperHaccp.

Gli allergeni possono causare reazioni che variano da lievi a potenzialmente gravi, rendendo essenziale la loro identificazione e comunicazione sia per i consumatori che per gli operatori del settore. 

Questo articolo mira a fornire una panoramica esaustiva su cosa siano gli ALLERGENI, la loro importanza nel contesto del supermercato, e le migliori pratiche per etichettarli e gestirli efficacemente.

L'obiettivo principale è quello di informare e guidare sia i consumatori nella scelta di prodotti sicuri, i clienti e gli operatori del settore alimentare, su come riconoscere e comunicare la presenza di allergeni. Attraverso una comprensione approfondita delle normative vigenti, delle strategie di etichettatura e delle tecniche di comunicazione, tutti gli attori coinvolti possono contribuire a creare un ambiente di shopping più sicuro e informato.

Cosa sono gli allergeni alimentari?

Allergeni alimentari guida completa 1

Gli allergeni alimentari sono sostanze presenti in alcuni alimenti che possono scatenare una reazione del sistema immunitario in individui sensibili. Queste reazioni possono variare da sintomi lievi, come eruzioni cutanee o prurito, a condizioni più gravi, come l'anafilassi, che richiede un intervento medico immediato. La sensibilità agli allergeni è altamente individuale, il che significa che ciò che è sicuro per una persona può essere pericoloso per un'altra.

Secondo la normativa vigente, Regolamento (UE) n. 1169/2011, gli allergeni alimentari che devono essere obbligatoriamente indicati in etichetta sono determinati dalla legislazione dell'Unione Europea, che mira a proteggere i consumatori fornendo loro le informazioni necessarie per fare scelte alimentari sicure.

Questi allergeni sono classificati in base alla loro frequenza e gravità delle reazioni che possono causare e includono una lista di sostanze e prodotti che devono essere sempre evidenziati nelle etichette dei prodotti alimentari preconfezionati.

 

Hai bisogno di formare il tuo personale sulla sicurezza alimentare? 

Contattaci per saperne di più! 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Abbiamo un metodo specifico per il settore retail. Assicurati conformità e competenza con il nostro supporto completo.  

Scopri il metodo

 

L'elenco degli allergeni più comuni comprende:

  • Cereali contenenti glutine: come frumento, segale, orzo, avena, farro, kamut o i loro ceppi ibridati.
  • Crostacei e prodotti a base di crostacei.
  • Uova e prodotti a base di uova.
  • Pesce e prodotti a base di pesce.
  • Arachidi e prodotti a base di arachidi.
  • Soia e prodotti a base di soia.
  • Latte e suoi derivati (incluso il lattosio).
  • Frutta a guscio: come mandorle, nocciole, noci, anacardi, pistacchi, noci di Macadamia e noci d'Australia, e prodotti derivati.
  • Sedano e prodotti a base di sedano.
  • Senape e prodotti a base di senape.
  • Semi di sesamo e prodotti a base di semi di sesamo.
  • Anidride solforosa e solfiti in concentrazioni superiori a 10 mg/kg o 10 mg/litro in termini di SO₂ totale.
  • Lupini e prodotti a base di lupini.
  • Molluschi e prodotti a base di molluschi.

Allergeni alimentari guida completa 2

La corretta identificazione e etichettatura degli allergeni secondo queste categorie non solo è una prassi legale obbligatoria, ma rappresenta anche un importante atto di responsabilità verso i consumatori. Con una crescente attenzione verso le esigenze di persone con allergie alimentari, diventa fondamentale per produttori, distributori e venditori al dettaglio adottare un approccio proattivo nella gestione degli allergeni per garantire la sicurezza e il benessere dei consumatori.

Evidenziare gli allergeni in etichetta: Linee guida per i produttori

L'etichettatura degli allergeni sui prodotti alimentari preconfezionati è una questione molto importante sia per i produttori che per i consumatori. La legge impone che gli allergeni siano chiaramente evidenziati nelle etichette per garantire che i consumatori possano fare scelte alimentari sicure e informate. Questo approccio non solo aiuta a prevenire reazioni allergiche potenzialmente pericolose, ma sostiene anche una maggiore trasparenza e fiducia nel settore alimentare.

 Allergeni alimentari guida completa alla sicurezza e alletichettatura 3

 

Come evidenziare gli allergeni secondo la legge

  • Elenco degli ingredienti: Gli allergeni devono essere chiaramente indicati nell'elenco degli ingredienti con un carattere che li distingua dal resto del testo, come il grassetto, il corsivo o il maiuscolo, o un colore di sfondo diverso. Questa pratica assicura che gli allergeni siano immediatamente visibili a chi legge l'etichetta.

 

  • Nomi comuni: Quando si fa riferimento ad un allergene, deve essere utilizzato il nome comune dell'allergene (es. "latte", "arachidi", "nocciole") per garantire che l'informazione sia comprensibile a tutti i consumatori, indipendentemente dal loro livello di conoscenza tecnica.

 

  • Allergeni non intenzionali: Qualora ci sia il rischio che un prodotto possa essere contaminato da allergeni non presenti come ingredienti intenzionali, è buona pratica indicare tale possibilità con avvisi come "può contenere tracce di...".

 

Esempi di buone pratiche di etichettatura

  • Contrasto e visibilità: Utilizzare un font chiaro e leggibile con un buon contrasto rispetto allo sfondo dell'etichetta. Ad esempio, allergeni evidenziati in grassetto con caratteri neri su uno sfondo bianco.

 

  • Frasi di avvertimento: Per prodotti che possono contenere allergeni non intenzionali, è utile inserire frasi chiare e visibili che avvisano della possibile presenza di tracce di allergeni, come "Attenzione: prodotto in un impianto dove vengono elaborati anche frutta a guscio".

 

  • Informazioni aggiuntive: Fornire, ove possibile, informazioni aggiuntive su come i consumatori allergici possono ottenere ulteriori dettagli sul prodotto, ad esempio attraverso un numero di telefono del servizio clienti o un sito web.

La corretta etichettatura degli allergeni rappresenta un elemento fondamentale nella prevenzione delle reazioni allergiche e nella protezione dei consumatori. Adottando queste linee guida e buone pratiche, i produttori possono dimostrare il loro impegno verso la sicurezza alimentare e il benessere dei consumatori, rafforzando al tempo stesso la fiducia nel loro marchio.

Nei banchi freschi, come pescheria, gastronomia e macelleria, è cruciale indicare correttamente gli ingredienti e gli allergeni presenti nelle preparazioni e prodotti esposti in vendita, mediante cartellini prezzo, etichette o, ove possibile, libri ingredienti cartacei o elettronici. 

E’ necessario informare i consumatori sugli allergeni effettivamente presenti nei prodotti ed eventuali contaminazioni attraverso cartelli e informazioni chiare e ben visibili posizionate in prossimità dei prodotti, mantenendo uno standard uniforme per facilitare la lettura. 

È importante aggiornare regolarmente i cartellini per riflettere eventuali cambiamenti nei prodotti o nelle pratiche di preparazione. Assicurarsi anche che il personale sia formato per rispondere a domande sui contenuti allergenici, migliorando ulteriormente la sicurezza dei consumatori.

 

L'Importanza della formazione del personale del punto vendita

Formazione personale

La formazione del personale è un pilastro fondamentale nella gestione degli allergeni. I dipendenti devono essere consapevoli dei rischi associati agli allergeni alimentari e delle procedure da seguire per minimizzarli. Gli aspetti chiave della formazione includono:

  • Conoscenza degli allergeni: Comprendere gli allergeni comuni e i loro potenziali effetti sui consumatori sensibili.

 

  • Procedimenti di prevenzione della contaminazione: Imparare le procedure specifiche per evitare la contaminazione incrociata durante le fasi di conservazione e stoccaggio di semilavorati e ingredienti, di preparazione, presentazione e servizio dei prodotti alimentari.

 

  • Comunicazione con i consumatori: Sviluppare abilità comunicative per informare efficacemente i consumatori sugli allergeni presenti nei prodotti, rispondendo con precisione alle loro domande. Conoscere le modalità di esposizione delle informazioni relative agli ingredienti e gli allergeni e corretto aggiornamento.

Incoraggiare una cultura della sicurezza alimentare che pone al centro la gestione degli allergeni migliora non solo la sicurezza dei consumatori, ma anche la fiducia e la soddisfazione del cliente.

Attraverso la formazione continua del personale e l'adozione di pratiche operative adeguate, i titolari e i responsabili dei reparti possono creare un ambiente di acquisto sicuro e accogliente per tutti i consumatori, indipendentemente dalle loro esigenze alimentari specifiche.

 

Consiglio bonus dal team Super HACCP

Formazione personale 2

In conclusione, la corretta gestione degli allergeni alimentari nel settore del retail alimentare rappresenta un pilastro fondamentale per la sicurezza dei consumatori. Dall'accurata identificazione degli allergeni, alla loro chiara etichettatura e comunicazione, ogni azione intrapresa gioca un ruolo cruciale nel prevenire rischi per la salute dei consumatori. Implementando le strategie di gestione e la formazione del personale discusse, i responsabili dei punti vendita non solo elevano la consapevolezza e la prevenzione, ma rafforzano anche la fiducia dei consumatori nei loro marchi.

Consiglio bonus: Non trascurare il potere della tecnologia nella gestione degli allergeni. L'utilizzo di sistemi digitali per tracciare gli allergeni nei prodotti e nelle preparazioni può significativamente ridurre il rischio di errori umani e migliorare l'efficienza della comunicazione delle informazioni critiche sia al personale che ai consumatori.

Ricordiamo che la sicurezza alimentare non è solo una questione di conformità legale ma un impegno etico verso il benessere dei consumatori. Affrontare con proattività la gestione degli allergeni significa costruire un futuro in cui fare la spesa diventa un'esperienza più sicura e serena per tutti. Ogni passo compiuto in questa direzione è un avanzamento verso un ambiente commerciale più sicuro e accogliente, che pone al centro la salute e il benessere di ogni cliente.

leggi gli altri Articoli

Gianluca Bonsinetto

Zagara Food

Paolo Cusini

Food Store

Manuela Monina

Domar

Fabrizio Ferrazza

Il Torrione

Manuela Monina

Domar

Fabrizio Ferrazza

Il Torrione

Gianluca Bonsinetto

Zagara Food

Paolo Cusini

Food Store

E’ un metodo di facile lettura e consultazione che ci permette di lavorare con più efficacia e praticità

Alberto Belli

Essere seguiti da un’azienda specializzata in supermercati, significa che ha già visto e rivisto le problematiche in altre realtà e quindi è molto più veloce e facile risolverle, quando si presentano nella mia realtà

Fabrizio Ferrazza

E’ un metodo che fornisce una migliore formazione e consapevolezza tra i ragazzi nei reparti

Gabriella Crescenzi

Il metodo SUPER HACCP è sicuro, semplice e veloce. Si toglie tutto il fumo e rimane l’arrosto, cioè poche cose concrete che servono per gestire le criticità e la sicurezza alimentare.

Gianluca Bonsinetto

Il metodo ha contribuito tantissimo a far crescere i nostri dipendenti, sono diventati autonomi e indipendenti nella gestione del proprio lavoro

Manuela Monina

Il metodo è anche impostato come una competizione che sollecita l’orgoglio del personale, e tutto diventa più facile. Sono molto più incentivati a fare tutto nel modo giusto.

Fabrizio Ferrazza

Consiglierei sicuramente il metodo Super Haccp perché risolve e agevola la gestione dell’autocontrollo.

Paolo Cusini

E’ un metodo che aumenta la consapevolezza dei singoli operatori e dell’azienda, creando vantaggi in modo assoluto che poi vengono percepiti dal cliente.

Fabrizio Ferrazza